Binance Exchange

Palaronda Soft Trek: itinerario sulle Dolomiti tra le Pale di San Martino – Giorno 2

La sveglia suona presto perché il programma di questo secondo giorno è ricco. Oltre alla seconda tappa del Palaronda Soft Trek, dal rifugio Rosetta-Pedrotti al rifugio Pradidali, passando per il Ghiacciaio della Fradusta e il Passo di Pradidali basso, ci siamo infatti tenuti per la mattina l’ascesa a Cima Rosetta. Fuori c’è una giornata meravigliosa, senza neanche l’ombra di una nuvola ad intaccare l’azzurro splendente del cielo.

Palaronda Soft Trek -  Il buongiorno della seconda tappa

Palaronda Soft Trek – Il buongiorno della seconda tappa

Dopo una sostanziosa colazione al rifugio ci mettiamo in marcia armati soltanto dei bastoncini da trekking; lasciamo infatti gli zaini in rifugio e passeremo a recuperarli al ritorno dalla puntatina alla cima. Leggeri si cammina decisamente meglio e, in circa 20 minuti di strada facile e ben delineata, siamo in vetta a Cima Rosetta a quota 2743 metri, per le foto di rito al fianco della croce.

In vetta a Cima Rosetta - 2743  m

In vetta a Cima Rosetta – 2743 m (scattata con GoPro Hero3+ Silver)

La croce sulla vetta di Cima Rosetta

La croce sulla vetta di Cima Rosetta (scattata con GoPro Hero3+ Silver)


Da su la vista spazia a 360 gradi con la vallata e le montagne che la racchiudono da una parte e la vastità dell’Altopiano e delle sue Pale dall’altra. Ci tratteniamo diversi minuti a goderci il silenzio surreale, felici di esserci tenuti l’ascesa alla cima per il mattino presto quando in giro non c’è ancora praticamente nessuno. Iniziamo la discesa mentre incominciano ad arrivare le prime corse della funivia con altri escursionisti a bordo e l’Altopiano inizia lentamente a “popolarsi”.
Panoramica dell'Altopiano delle Pale da Cima Rosetta

Panoramica dell’Altopiano delle Pale da Cima Rosetta


Recuperiamo gli zaini in rifugio, salutiamo, ringraziamo per l’ospitalità e ci mettiamo in cammino per la seconda tratta del nostra percorso, seguendo l’indicazione per il Ghiacciaio della Fradusta, lungo il sentiero 707.

Indicazioni per il Ghiacciaio della Fradusta

Indicazioni per il Ghiacciaio della Fradusta

Ci aspetta un lungo tratto sulla neve

Ci aspetta un lungo tratto sulla neve (scattata con GoPro Hero3+ Silver)

La parte iniziale è piuttosto semplice e ci permette di goderci al massimo la splendida giornata di sole mentre attraversiamo l’Altopiano. Raggiunta la successiva diramazione prendiamo ancora per il Ghiacciaio e ci prepariamo ad attraversare un lungo tratto interamente sulla neve. Le possibili tracce da seguire sono due: quella “da sotto”, che prevede di lasciarsi sulla destra uno spallone e di attraversare la conca innevata per poi salire una volta giunti alla sua fine, oppure quella “da sopra” che prevede invece di salire sullo spallone e costeggiare la conca, in un tratto dalla pendenza laterale però significativa. Per quest’ultimo motivo scegliamo la prima via e superiamo il tratto abbastanza agevolmente, arrivando piuttosto in fretta allo scollinamento che, dopo una lunga serie di foto ricordo, ci proietta verso il Passo di Pradidali basso a quota 2658 metri.

Le due vie "da sotto" e "da sopra" per attraversare il nevaio

Le due vie “da sotto” e “da sopra” per attraversare il nevaio


Scollinamento dopo il nevaio

Scollinamento dopo il nevaio (scattata con GoPro Hero3+ Silver)

Si scende verso il Passo di Pradidali Basso

Si scende verso il Passo di Pradidali Basso

Da qui iniziamo la discesa verso il rifugio Pradidali, segnalato ad ancora un’ora di cammino, che scopriremo più avanti risultare una previsione un po’ ottimistica. La cosa più importante però è che il percorso in questo tratto torna ad essere a dir poco spettacolare; ci infiliamo infatti nel canalone dell’alta Val Pradidali, protetto ai lati dalle dritte pareti verticali delle maestose cime circostanti.

Il canalone dell'alta Val Pradidali

Il canalone dell’alta Val Pradidali

Indicazioni per il Rifugio Pradidali

Indicazioni per il Rifugio Pradidali

Le maestose cime sui lati della Val Pradidali

Le maestose cime sui lati della Val Pradidali

Proseguendo verso la fine del canalone, dopo aver attraversato qualche ultimo passaggio sulla neve e qualche pietraia, vediamo apparire in lontananza il rifugio Pradidali, che ci ospiterà per la notte. Scendendo ancora un breve tratto sulle pietre, imbocchiamo l’ultima parte del sentiero, ormai pianeggiante, che ci porta a destinazione: rifugio Pradidali, quota 2278 metri.

Ingresso del Rifugio Pradidali

Ingresso del Rifugio Pradidali

La spettacolare vista dalla vetrata situata su un lato del rifugio viene purtroppo presto oscurata dall’arrivo di una spessa nebbia e sostituito da una uniforme muraglia bianca. Ne approfittiamo quindi per concederci un po’ di riposo, purtroppo senza la possibilità di farci una doccia a causa di un guasto al boiler in attesa di essere sistemato, e aspettiamo si faccia l’ora di cena. Nel frattempo siamo completamente isolati dal mondo: presso il rifugio, ma in realtà da un bel pezzo lungo la strada per raggiungerlo, non c’è alcuna copertura telefonica e anche l’invio di un semplice SMS risulta impossibile.
Nell’accogliente clima del rifugio ci gustiamo anche qui una ottima e abbondante cena, per la quale la nostra scelta ricade su una calda zuppa, una tradizionale polenta con funghi e salsiccia impiattata in modo originale e un bel dolce in conclusione. Il tutto accompagnato da un sottofondo musicale di qualità che spazia dai Coldplay ai Kasabian per arrivare fino ad una chicca del primo album omonimo dei Clap Your Hands Say Yeah che mi spinge, da buon appassionato della scena alternativa indipendente, ad andare a complimentarmi per la playlist proposta.

La cena al Rifugio Pradidali

La cena al Rifugio Pradidali

La vista fuori dal finestrone panoramico del rifugio è ancora completamente oscurata dalla nebbia e noi, tra una camomilla e una partita a carte, aspettiamo il momento della ritirata nella nostra stanzina, lasciataci in esclusiva grazie all’affluenza ancora bassa del periodo.

Precedente: Palaronda Soft Trek: itinerario sulle Dolomiti tra le Pale di San Martino – Giorno 1
Successivo: Palaronda Soft Trek: itinerario sulle Dolomiti tra le Pale di San Martino – Giorno 3

2 thoughts on “Palaronda Soft Trek: itinerario sulle Dolomiti tra le Pale di San Martino – Giorno 2

  1. Pingback: Palaronda Soft Trek: itinerario sulle Dolomiti tra le Pale di San Martino – Giorno 1 | Dede Blog

  2. Pingback: Palaronda Soft Trek: itinerario sulle Dolomiti tra le Pale di San Martino – Giorno 3 | Dede Blog

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *