bankera ico

Europei 2012 a Polonia-Ucraina (giustamente)

Sento e leggo un po’ ovunque della delusione per non aver visto assegnati gli europei del 2012 all’Italia. Mi chiedo come si faccia a rimanere sorpresi considerando che:
Siamo reduci dallo scandalo calciopoli, che ha visto indagate una buona parte di squadre di serie A, presidenti, quasi tutti gli esponenti della classe arbitrale e posizioni di ogni tipo all’interno della lega, minando in modo massiccio la credibilità del nostro calcio. E tra retrocessioni, penalizzazioni, mercati bloccati e arbitri chiusi negli sgabuzzini, a quanto pare, non ne siamo ancora usciti ma ne vengono sempre fuori di nuove.
Abbiamo appena riaperto gli stadi, forse neanche ancora tutti, a seguito degli episodi di Catania, dove invece del tifo c’è stata una guerriglia con tanto di vittima. Invece della gente che andava per vedere la partita c’era la gente che andava per distruggere, picchiare, uccidere. Sennò uno mica uscirebbe di casa con coltelli e spranghe per andare allo stadio.
Aggiungiamo anche che prima degli avvenimenti di cui sopra si è giocato, regolarmente, ogni domenica, in stadi non a norma, che rappresentavano la stragrande maggioranza del totale, e solo dopo quel che è successo si sono presi dei provvedimenti.
A corollario dei 2 punti precedenti aggiungiamo che, dopo aver perso il conto delle partite giocate a porte chiuse o in campo neutro, ora molte partite, anche importanti, vengono giocate in giorni e orari assurdi per motivi di ordine pubblico.
Mettiamoci poi dentro altri episodi recenti come la rissa di Valencia, che ha visto protagonista una squadra italiana, e i tafferugli di Roma-Manchester e abbiamo completato l’opera. Ok, in questi ultimi casi le responsabilità non son tutte “nostre” ma fatto sta che il “nostro” calcio, in senso lato, non perde occasione per far parlare di se. (ricordiamo, ad esempio, anche il bel gesto “internazionale” del petardo nel derby di champions qualche anno fa).

Quindi da appassionato di calcio devo tristemente ammettere che la scelta non si può biasimare e che ci siamo eliminati con le nostre stesse mani. E il fatto che, sul campo, siamo campioni del mondo non ci assolve.
Chissà che magari ci serva da lezione.

This entry was posted in $1$s. Bookmark the permalink.
bankera ico

2 thoughts on “Europei 2012 a Polonia-Ucraina (giustamente)

  1. Pingback: Lo sport contro i tiranni, lo sport per la democrazia « Il blog dell’Indipendente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *